Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

Archive for the ‘Danimarca’ Category

Beocom 5, il glorioso passato

leave a comment »

Causa prematura dipartita del sistema precedente, Abbiamo rinnovato l’apparecchio telefonico, e non ci siamo fatti mancare nulla: un Bang & Olufsen beocom 5, stupendo oggetto di design dal prezzo conseguente alla fama ed alla qualità della casa danese.

Beocom 5

Bellissimo, dotato di fin troppe funzioni (può gestire due linee telefoniche), la qualità audio è pari a quella dei celebri diffusori, ed il sistema vivavoce, che sarebbe quel disco di alluminio bucherellato sotto il telefono, è di gran lunga il migliore che abbia mai sperimentato.

Tutto bene, o quasi, perché un simile capolavoro sembra progettato in un lontano passato, quando nessuno aveva un telefonino o la necessità di sincronizzare le rubriche telefoniche tra computer, telefoni e telefonini: al costo quasi di un iphone, mi ha sconvolto scoprire che devo inserire manualmente nella rubrica nomi e numeri telefonici, in quanto non è prevista nessuna altra possibilità di accedere alla memoria, niente icloud, ma nemmeno niente bluetooth, e neppure niente usb!

Sulla grande rete non ho trovato nulla al riguardo, colpa delle mie scarse capacità di ricerca o colpa di google, o forse ancora i pochi proprietari di un oggetto tanto raffinato non sono abbastanza scafati digitalmente per preoccuparsi di simili dettagli.

Eppure, se ci avesse pensato apple ad un telefono da casa… forse non l’avrebbe fatto così bello e solido, ma gli avrebbe dato icloud, e gli avrebbe dato siri. Ecco perché dico che è un oggetto dal passato, il futuro sono i telefoni mobili, tuttavia sarebbe bastato pochissimo per avere un piccolo segno di perfezione da tenere in mano.

Non che sia pentito dell’acquisto, tutt’altro, ora la mia scrivania ha un aspetto elegante, ed il telefono è un degno complemento all’imac, ma è un oggetto ahimè del passato.

la scrivania elegante

Annunci

Written by erling

10 marzo 2013 at 12:46

Pubblicato su Danimarca, hardware

Tagged with , ,

Legoland

leave a comment »

Visitando Legoland con due bambini dell’età giusta – 4 e 7 anni – si gode in pieno lo spirito del parco: attività non eccessivamente adrenaliniche ma più rivolte all’ammirazione ed alla manipolazione dell’immortale mattoncino.

Peraltro non mancano le attrazioni più dinamiche, e qui il parco danese può dare qualche lezione ai nostri; possibile che a Legoland ci siano dei magnifici giochi acquatici, nei quali sia i partecipanti che il pubblico vengono spruzzati, ad esempio in una battaglia tra galeoni e fortezze, ed a Gardaland, per dirne uno che ho visto sempre in giornate da trenta gradi, non esiste nulla di bagnato?

In Danimarca non fa mai così caldo, ed ecco che sono a disposizione delle cabine di asciugatura dove con l’aiuto di potenti getti d’aria calda in pochi momenti scompaiono le tracce delle battaglie d’acqua.

Insomma, soddisfazione generale di due bimbi e di due tornati bimbi per l’occasione. Aggiungiamo poi il negozio Lego più grande d’Europa e l’avventura è completa.

Per noi si è trattato del finale “premio” del giro in bici, ma già pensiamo di poterci tornare prima che i bimbi crescano troppo, ed il fatto che Billund sia servita dalla Ryanair rende il pensiero facile da realizzare.

Written by erling

14 agosto 2009 at 20:16

Pubblicato su Danimarca, viaggi

I Vichinghi di Roskilde

leave a comment »

Traspare dal bellissimo museo delle navi vichinghe di Roskolde una grande ammirazione per le doti marinaresche dei progenitori dei danesi: la replica moderna della nave vichinga che ha fatto andata e ritorno da Dublino in due estati è stata accolta in trionfo sia in Irlanda che al ritorno in patria, e pur essendo una copia esatta dell’originale disponeva in più di moderni strumenti di navigazione, e l’equipaggio era vestito con abbigliamento moderno, caldo ed impermeabile.

Vedendo il film della traversata, ed i reperti del museo, è inevitabile paragonare la durezza della vita di allora con l’attuale, ma ancor più gli antichi popoli nordici con i latini, beneficiati da un clima mite e da un suolo fertile; i vichinghi sono rimasti indietro nella corsa della civiltà, ma indubbiamente erano molto più tosti dei loro contemporanei

Written by erling

10 agosto 2009 at 22:17

Pubblicato su Danimarca, viaggi

Tagged with

Geocaching alla danese

leave a comment »

Non so se considerarlo un segno di maggiore civiltà o al contrario di allontanamento dai valori di vera saggezza, fatto sta che in Danimarca ci sono molte più cache che da noi.

Quando dico molte intendo superiori di un ordine di grandezza, ad esempio una cittadina come Faaborg ne conta almeno una decina per duemila abitanti, mentre Trento ne ha solo quattro o cinque per centomila persone. Il confronto tra Copenhagen e Roma è impressionante.

Molte cache sono semplici da trovare, poste in punti interessanti, altre in zone senza alcuna attrattiva, ma in generale è evidente che la pratica del geocaching ha molti più adepti qui che non da noi.

Forse è solo questione di tempo ed un po’ alla volta il geocaching si diffonderà anche in Italia a livelli maggiori, o forse da queste parti il contatto con la natura è più stretto e fioriscono gli sport che avvicinano a boschi e panorami.

Written by erling

8 agosto 2009 at 18:20

Pubblicato su bicicletta, Danimarca, geocaching, viaggi

Tagged with

Bregninge

leave a comment »

Dal campeggio di Vindebyøre, situato in posizione strategica di fronte a Svendborg, siamo partiti oggi per un breve e facile itinerario ad anello che ci ha portati dapprima a Troense, paesino affascinante con un’altissima concentrazione di case stråhatten ovvero dai tetti di paglia, poi al Valdemars Slot che avevamo già rapidamente visto ieri.

Di seguito verso il paesino di Bregninge, rinomato per la chiesa dall’alta torre campanaria posta in cima all’unica collina dell’isola di Tåsinge; dall’alto di questo punto di osservazione si dice sia possibile scorgere altri 65 campanili in tutta la Fionia, ma nonostante le targhette esplicative che danno nome e distanza di ogni borgo non siamo riusciti a vedere più di un paio di torri, colpa forse dell’aria non molto limpida o della miopia incipiente.

Pranzo al sacco presso il porto di Vindeby, osservando il traffico delle navi a vela lungo lo stretto di Svendborg. Rispetto alla frenetica attività che abbiamo ammirato lo scorso anno nei porticcioli del Bohuslän, qui le cose sembrano più tranquille, meno imbarcazioni e meno movimento, forse la stagione è più avanzata adesso.

Altro luogo notevole della parte nord di Tåsinge è la penisoletta di Skansen (nessun riferimento al parco di Stoccolma), zona protetta con vegetazione selvatica e prati a pascolo dalla quale si ammira Svendborg al suo meglio.

Sera di relax al campeggio, bimbi al parco giochi e lettura in veranda, come fanno intorno a noi i saggi danesi.

Written by erling

8 agosto 2009 at 17:33

Pubblicato su bicicletta, Danimarca, viaggi

Tagged with

Altri luoghi notevoli

leave a comment »

Tra ieri ed oggi abbiamo visitato Marstal, all’estremità orientale dell’isola di Ærø, che ci è sembrata una graziosa cittadina non solo turistica ma con un’economia ed una storia strettamente legate al mare; purtroppo abbiamo soltanto visto dall’esterno il museo nautico – incredibilmente ampio e ricco per un paesino di duemila anime – ma i cantieri navali in piena attività ci hanno confermato l’idea di una vicinanza al mare più stretta rispetto alle altre cittadine dell’isola.

Il campeggio vicino al mare è ottimo ed abbiamo alloggiato in una “casetta” di gran lusso. In generale i camping fin qui sono molto organizzati, con ottima pulizia e piccole intelligenti trovate come il bagno per famiglie ovvero una stanza separata con wc, doccia e lavandino oltre ad ampio spazio per gestire la complicata attività del lavaggio serale dei piccoli.

Il traghetto ci ha portato poi a Rudkøbing, sull’isola di Langeland, altra città piccola ma di carattere e con un posto nella storia assicurato dall’aver dato i natali al grande Œrsted, ricordato con una grande statua nella piccola piazza.

Da qui attraversando il ponte siamo arrivati all’ennesima isola che compone questo arcipelago danese, la piatta Tåsinge, essenzialmente composta di campi di grano e boschi, ma che vanta alcune attrattive come il castello di Valdemar e la chiesa più visitata della Danimarca, Bregninge, che noi visiteremo domani.

Dal lato ciclistico le cose procedono bene, a parte un piccolo incidente che ha causato una strana e prematura stanchezza del nostro piccolo ciclista. Dopo parecchia strada mi sono risolto ad un’indagine più accurata ed ho visto che la ruota anteriore era bloccata dal freno che non rilasciava la presa.

Problema rapidamente risolto, ma un monito su come basti poco a rovinare il viaggio ad un bambino (ed ai genitori) che non è ancora in grado di scoprire da solo i difetti del suo mezzo.

Written by erling

7 agosto 2009 at 21:19

Pubblicato su bicicletta, Danimarca, viaggi

Tagged with , ,

Ærø

leave a comment »

Non serve essere grandi filosofi per godere di qualcosa pur sapendo che durerà poco, ed anzi apprezzare il valore di un’esperienza a motivo della sua breve durata.

L’estate danese è breve ed un’intera giornata di sole rappresenta un evento raro, così oggi esplorando con le nostre bici l’isola di Ærø ne abbiamo ammirato le bellezze consapevoli di vederle in una luce particolare.

L’isola è lunga e stretta, ed il percorso consigliato per i ciclisti si muove tra l’interno e la costa, in un saliscendi tra campi di grano divisi da siepi e fattorie e paesini dalle caratteristiche case con i tetti di paglia, o meglio di “rami” – molte peraltro in vendita, a dimostrazione che nemmeno un’isola ripara dalla crisi.

L’isola merita la reputazione che le danno le guide turistiche, e dal punto di vista del ciclista è un vero paradiso; troviamo ovunque gruppetti con biciclette più o meno professionali e cariche di borse e carrellino.

Non facciamo molti chilometri comunque, e rapidamente dal porto di Søby siamo arrivati ad Ærøskøbing, dove sfruttiamo il locale campeggio principalmente per la lavanderia a gettone.

Utile anche la cucina per preparare una cena in autonomia, e non dipendere per una volta dagli esosi ristoratori locali.

Written by erling

5 agosto 2009 at 18:24

Pubblicato su bicicletta, Danimarca, viaggi