Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

Archive for aprile 2014

Dropbox, ripensandoci…

leave a comment »

Ripensandoci, non mi va proprio di usare un servizio che comprende Condoleeza Rice nel consiglio di amministrazione… ho appena cancellato il mio account, e spero che in molti lo facciano.

Written by erling

16 aprile 2014 at 08:13

Pubblicato su Mac

Tagged with

Misura per misura

leave a comment »

Ho scritto tempo fa di un programmino che registra sul telefonino le attività, principalmente bicicletta, camminata, corsa, e, grazie ad una serie di siti “satelliti”, consente di ottenere una miriade di statistiche che dovrebbero aiutare l’aspirante atleta a progredire verso la meta del benessere fisico.

Non sfugge a nessuno però l’implicazione di registrazione totale che un simile apparecchio prefigura: ogni spostamento è registrato e ricordato, fintanto che il telefonino è acceso, in un grande deposito nella mitica nuvola, e chissà se qualcuno mai oltre al legittimo proprietario potrà accedere a quei dati?.

Il problema con questi sistemi, secondo il mio debole parere, è che a fronte di un tangibile e spesso gratuito beneficio che apportano all’utente, presentano dei rischi che sono aggregati, ovvero nessuno andrà mai a rubare dal database di moves le attività del singolo individuo, ma un deposito che contiene gli spostamenti di decine di migliaia di persone è sicuramente molto interessante per aziende, pubblicitari e forse anche governi.

Non c’è solo moves naturalmente, in questi giorni sta facendo scalpore ad esempio l’assunzione nel consiglio d’amministrazione di dropbox di Condoleeza Rice, ovvero di una delle persone che hanno dato spinta al programma di sorveglianza totale globale che ci perseguita. Possiamo fidarci ancora di dropbox, o dobbiamo boicottarlo? Eppure è così comodo, e poi chi volete che si metta a leggere i miei documenti una volta che sono nella nuvola di dropbox? A chi possono interessare?

Anche qui, se il prodotto è gratis vuol dire che sei tu il prodotto che viene venduto, e senza voler rinunciare alla comodità di un sistema di sincronia come dropbox, occorre abituarsi al fatto che quello che si mette in rete è molto probabilmente leggibile da qualcuno, pertanto su dropbox non potrò mettere i miei piani per la dominazione del mondo, che invece magari affido a wuala, server europei e dati criptati alla partenza.

Ho quindi rimosso da dropbox un po’ di roba, senza però arrivare al boicottaggio totale (la pigrizia è più forte della giusta indignazione, e su questo contano i sorveglianti, si sa…), invece ho interrotto la registrazione su moves, non tanto per timori di privacy quanto perché quando vado a correre non mi porto il telefonino ma registro la mia performance sul garmin, e cade quindi la premessa fondamentale del programma, ovvero di avere una vita misurata in ogni momento…

Written by erling

13 aprile 2014 at 18:56

Pubblicato su rete

Tagged with , ,

Lightroom sulla tavoletta

leave a comment »

Era la previsione più facile del mondo, tanto che perfino il sottoscritto ci era arrivato da solo qualche mese fa, e finalmente è stato annunciato il compagno mobile di lightroom.

Prime impressioni: per essere una versione 1.0 funziona alla perfezione, lo sviluppo delle foto sull’ipad (air) è impressionante, rapido e preciso tanto da non credere di stare modificando le immagini con le dita anziché con il mouse. La sincronizzazione non è velocissima, ma soddisfacente e senza alcun errore.

Dove ancora siamo indietro, e dove è indubbiamente superiore Photosmith, è nella gestione dei metadati, che si limita essenzialmente alla bandiera positiva o negativa: niente titoli, commenti, keywords, decisamente c’è spazio per migliorare.

Serve ancora a poco, non certo a sviluppare le foto sul campo, perché non c’è modo di importare le immagini direttamente dalla macchina fotografica, ma solo dalle foto di ipad (photosmith invece, associato con una scheda eye-fi, cattura senza problemi le foto direttamente dalla fotocamera). Direi che oggi come oggi ci sono solo due utilizzi, ovvero caricare un portfolio sull’ipad per mostrarlo in giro, ed aggiungere o spostare immagini tra una collezione ed un’altra, oppure, dopo aver importato le foto in lightroom sul computer, passarle all’ipad per una rapida selezione con qualche aggiustamento di esposizione, comodamente seduti sul divano.

Non mi sembra poi da sottovalutare l’interfaccia elegante ed intuitiva, questa sicuramente superiore a photosmith, e con un’impronta familiare a chi usa lightroom e photoshop.

Già, perché da un po’ mi sono abbonato al programma fotografico adobe, ed al prezzo di 12,29 euro al mese utilizzo i due programmi, oltre adesso alla sincronizzazione sull’ipad. Comincio ad essere meno insofferente al concetto dell’abbonamento al software, fintanto che il suddetto software viene migliorato con continuità in modo da rendere sempre più conveniente il prezzo.

Written by erling

10 aprile 2014 at 21:25

Pubblicato su foto, lightroom

Tagged with ,