Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

Archive for gennaio 2010

Il futuro non è più quello di una volta

leave a comment »

Il nove gennaio 2007 ho aperto la home page di Apple e sono rimasto di sasso nel vedere il primo iphone: era diverso da ogni cosa vista prima, ed il mio primo pensiero è stato “lo voglio!”.

Ieri ho visto il video dell’ipad e non ho visto niente di nuovo, è un iphone formato gigante. Il mio primo pensiero è stato “ma a che serve?”.

Non dubito che lo venderanno a vagonate, come sempre, in fondo costa poco ed è sicuramente carino, anzi cool come si dice, ed è questa la direzione che evidentemente prenderà l’editoria, quindi prepariamoci.

Inevitabile poi che apple sfruttasse appieno la straordinaria tecnologia dell’iphone per espandere ancora il suo successo, quindi nessuna deviazione dalla strada così brillantemente intrapresa, ed utilizzo dei punti di forza del telefono come solida base sulla quale costruire il tablet.

Ovviamente questa strada, logica e sicura, ha portato ad un oggetto bello ma certamente non rivoluzionario come è stato l’iphone. Il futuro, appunto, c’è già stato prima; oggi mi sembra di vedere un’evoluzione, ma non certo la cosa più importante creata da Jobs.

Written by erling

28 gennaio 2010 at 21:49

Pubblicato su hardware, Mac

Tagged with ,

Creare i bisogni

leave a comment »

Giusto per registrarlo qui, quando ancora nessuno ne sa nulla ma tutti speculano: nonostante la grande eccitazione che c’è in giro sul nuovo tablet che sarà (probabilmente) presentato questa settimana, oggi come oggi io non sono particolarmente ansioso di trovarmi per casa un maxipalmare, o miniportatile che sia.

Ho già un computer da tavolo, un portatile ed un iphone che è un computer palmare, non sento il bisogno di avere un quarto formato che non sta in una tasca ma forse solo in due mani unite; non smanio per leggere le riviste su uno schermo piatto, nè per vedere i film su un dieci pollici. Ho già internet a casa, al lavoro e per la strada.

Questo per dire che, dal mio limitatissimo punto di vista, il bisogno di un telefonino serio esisteva prima dell’annuncio dell’iphone, mentre il bisogno del mitico tablet è pari a zero. Ma qui parliamo di un maestro nello scoprire i bisogni che la gente non sa nemmeno di avere, e di soddisfarli, quindi sono pronto a rimangiarmi tutto mercoledì sera…

Written by erling

25 gennaio 2010 at 23:50

Pubblicato su hardware, Mac

Tagged with ,

Cercare casa a Stoccolma, 2010

leave a comment »

Anche questa volta sono alla ricerca di una casa a Stoccolma, ed anche se è per pochi giorni mi preoccupo di trovare una sistemazione comoda e ben posizionata, in modo da essere vicini alle destinazioni che vogliamo visitare.

Nella capitale della Svezia è ben difficile trovare alloggi che non siano accoglienti e puliti, e la difficoltà della scelta si sposta su altre caratteristiche, principalmente la posizione e la metratura; noto di passaggio che il collegamento ad internet, a banda larga e spesso wireless, è ormai assodato e viene liquidato nelle descrizioni in una riga, come l’esistenza della cucina.

Ho ritrovato la solita agenzia che ci ha già servito bene per due volte, la Stockholm Bed & Breakfast che si ostina a non pubblicare una foto, ma finora ci ha fornito degli appartamenti ottimi sotto ogni punto di vista e penso che qualunque cosa offra nel suo elenco – non lunghissimo – sia valida.

Una nuova scoperta è invece Via Nicoline, che offre alcuni alloggi con molte foto e tutti all’apparenza molto ben forniti e posizionati, alcuni perfino troppo eleganti e raffinati una famiglia con bambini.

Altre agenzie promettono bene, e navigando mi segno via via gli appartamenti più interessanti.

Il bello di arrivare in febbraio è che siamo praticamente certi di trovare un alloggio, e quindi si può scegliere con attenzione senza essere costretti a prendere quello che si può.

Written by erling

16 gennaio 2010 at 23:15

Pubblicato su Stoccolma, Svezia, viaggi

Tagged with ,

Il carnevale di Stoccolma

leave a comment »

Anno nuovo, viaggi nuovi, o meglio per ora progetti. A carnevale ci saranno due giorni di vacanza da scuola, ed aggiungendo il venerdì ci ritroviamo con un fine settimana abbastanza lungo da permettere una capatina nella capitale.

Che fare in soli tre giorni pieni? La classica visita a Junibacken tanto per cominciare, poi spero quest’anno che i bimbi più grandi reggano anche qualche ora al Moderna Museet o al Nordiska Museet; non dubito che la nave Vasa catturerà la loro fantasia, così come la biblioteca dei bambini alla Kulturhuset.

Confido di poter girare per la città senza problemi, a febbraio ci sono pochi turisti, la città è bianca e fredda, ma ci sono innumerevoli angoli da scoprire e gustare, ed ogni occasione è buona per entrare a scaldarsi in qualche negozio, locale o museo che sia.

Certo il tempo è poco, purtroppo ad ogni viaggio ci ritroviamo con meno giorni e bisogna sfruttarli al meglio. Così questa volta niente Ryanair, ma Lufthansa, più diretta ed alla fine non molto più costosa, se consideriamo che ci porta ad Arlanda da Verona e quindi evitiamo i complessivi 300 km fino a Bergamo e da Nyköping a Stoccolma.

Un mese dunque, e siamo nuovamente in viaggio; sarà anche vero che l’infelicità gli uomini discende dal non saper stare tranquilli in una camera, ma di riflesso una gran felicità nasce dall’allontanarsi dalle solite quattro mura.

Written by erling

7 gennaio 2010 at 22:13

Pubblicato su Stoccolma, Svezia, viaggi

Tagged with

Dropbox invece di Mobile Me

leave a comment »

Tra qualche giorno mi scade l’abbonamento a Mobile Me, ed ho deciso di non rinnovarlo, dato che il prezzo non mi sembra adeguato alle prestazioni.

Ho trovato invece un altro modo per rimpiazzare la caratteristica più interessante del servizio apple, ovvero la possibilità di sincronizzare tra più computer gli indirizzi, i calendari ed i preferiti di safari.

Occorre per prima cosa procurarsi symbolic linker, che è un piccolo programmino per creare al volo – tramite finder e senza dover scomodare il terminale – i link simbolici che servono a realizzare il trucco.

Una volta installato, basta:

  1. Spostare nella cartella di dropbox la cartella ~\Library\Application Support\AddressBook, che è dove stanno i dati della rubrica, creare un link simbolico alla suddetta cartella e spostare il link in Application Support, rinominandolo AddressBook anzichè AddressBook symlink. Ci sarà quindi la vera cartella in dropbox ed il link simbolico nella libreria.
  2. Per i calendari, stesso discorso, solo che la cartella che contiene i dati e che bisogna spostare in dropbox si chiama Calendars e sta direttamente in ~\Library. Anche qui i passi sono spostamento in dropbox – creazione del link – spostamento del file di link in ~\Library e cambiamento del nome per togliere “symlink” lasciando solo “Calendars”.
  3. Per safari, spostare la cartella Safari che sta sempre in ~\Library, poi ripetere la procedura come per i punti precedenti.

Non usando se non del tutto saltuariamente chrome o firefox non mi interessa tenerli sincronizzati, ma sicuramente c’è un sistema simile, anzi guardando nella mia cartella ~\Library trovo un folder chiamato firefox in ~\Library\Application Support ed un altro in ~\Library\caches, mentre chrome mi sa che si trova in ~\Library\Application Support\Google.

Non è difficile quindi appoggiarsi al validissimo dropbox per sincronizzare i dati in modo veloce e gratuito, manca chiaramente la sincronia con l’iphone, ma posso vivere anche senza l’istantaneo flusso, e passare i dati tra telefono e pc con il classico cavo che connette ad itunes.

Come primo proposito del nuovo anno è stato abbastanza facile, vedremo poi andando avanti.

Written by erling

2 gennaio 2010 at 23:28

Pubblicato su Mac, software

Tagged with ,