Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

Archive for settembre 2008

Quando l’ipod si blocca

leave a comment »

Ho acquistato il mio iPod touch a gennaio, e da allora lo ho usato parecchio, facendolo passare per un jailbreak ed un aggiornamento al firmware versione 2.
Stasera, senza motivo apparente, ascoltando musica ed aprendo Safari il piccolo si è piantato, suonando in continuazione lo stesso microsecondo del brano, cose che nemmeno il rap più duro.
Non è servito premere a lungo il tasto centrale, ho dovuto spegnere.

Due considerazioni: un software eccellente si pianta una volta all’anno, ed uno strumento sempre più “umano” si pianta per futili motivi, dopo aver retto a sollecitazioni ben più terribili.

Annunci

Written by erling

29 settembre 2008 at 21:15

Pubblicato su musica, software

Tagged with ,

Lightroom e gli accenti

leave a comment »

Anche la nuova versione di Lightroom ha un fastidioso baco che si porta dietro dalla precedente: i caratteri stranieri, quali gli accenti o le lettere degli alfabeti nordici, non vengono esportati correttamente quando si crea un file jpg.

Questo comporta, ad esempio, che in flickr i tag siano sballati, e quindi il mio nipotino Niccolò sia registrato come Niccol, mentre il mio viaggio in Bohuslän abbia un tag Bohusln.

Infastidito da questo baco veramente irritante, mi sono dedicato a fare esperimenti con exiftool ed a cercare qualche notizia in rete.

Ero già riuscito a capire da solo che l’errore stava nel gruppo di tag IPCT, mentre quelli del gruppo XMP erano a posto, ma poi ho trovato questo post, che spiega tutto a meraviglia.

Ora non resta che sperare che adobe ci metta una pezza; certo che il mondo delle codifiche UTF è astruso ed affascinante come pochi.

Written by erling

28 settembre 2008 at 22:46

Pubblicato su lightroom

Tagged with , ,

Stellarium aggiornato

leave a comment »

Ho scaricato la nuova versione di Stellarium, un bel programma di astronomia che è diventato ancora più veloce e bello da vedere; al giorno d’oggi la precisione e la completezza del catalogo stellare sono dati acquisiti, che ogni software deve garantire.

Dove si fa la differenza è nell’interfaccia e nella facilità dell’interazione, ed è qui che stellarium eccelle: le sfumature del passaggio dalla notte al giorno, il paesaggio intorno al punto di osservazione (che può essere variato inserendo magari il prato di casa), i disegni artistici delle costellazioni e le costellazioni stesse come vengono concepite da altre culture, sono tutte caratteristiche uniche che ne fanno un programma interessantissimo, anche per un astronomo da poltrona come me.

Freeware e per tutti i sistemi operativi, non ha un difetto nemmeno a cercarlo.

Written by erling

27 settembre 2008 at 22:04

Pubblicato su software

Tagged with ,

I tesori vicino a casa

leave a comment »

Se non fosse per il geocaching, mai avremmo visto posti come questo, a poca distanza da casa ma abbastanza impervi e sconosciuti per cui di solito uno non pensa di dedicarvi una gita, e invece…

Written by erling

22 settembre 2008 at 22:08

Pubblicato su foto, gps

Tagged with

Foto dall’Islanda

leave a comment »

Sarà il mio imperterrito interesse per il nord, sarà per la furba originalità di queste foto, ed anche per la intelligente scarsità del loro numero, o infine solo per il bel nome dell’artista, ma il sito di Rebekka Guðleifsdottir mi piace.

Written by erling

17 settembre 2008 at 23:02

Pubblicato su foto, Siti

X-plane sull’ipod touch

leave a comment »

Se c’è bisogno di una dimostrazione del fatto che l’ipod touch, seppure di prima generazione, è un computer a tutti gli effetti, basta installare x-plane 9, appena uscito.
La cosa che impressiona maggiormente è la fluidità della simulazione: muovendo leggermente i comandi (ovvero l’ipod) l’aereo risponde con l’inerzia che ci si aspetta da un corpo immerso nel fluido dell’aria, ed il coinvolgimento è notevole dato lo schermo così ridotto.
L’ambiente simulato è la zona attorno all’aeroporto di Innsbruck, con una bella serie di montagne che rendono le manovre non banali, e la grafica riproduce bene l’aspetto delle varie situazioni del meteo e delle ore del giorno.
A mano a mano che il software si affina, questo microcomputer si dimostra sempre più grande.

(scritto dall’ipod in attesa del sonno dei bimbi…)

Written by erling

14 settembre 2008 at 22:29

Pubblicato su software, virtualità

Tagged with

Il genio della musica

leave a comment »

Ogni volta che Apple presenta nuovi prodotti, tutti restano delusi e si lamentano; per forza, visto che non avendo indizi su cosa aspettarsi, fioriscono le teorie più azzardate che ovviamente alla prova dei fatti si rivelano false: risvegliarsi dal sogno di un mac tablet per trovarsi con la nuova linea di ipod nano può essere frustrante.

Così però si rischia di perdersi le novità concrete e funzionali, come il nuovo genius incorporato in itunes. Qualche tempo fa avevo installato un precursore, un programmino chiamato the filter che costruiva delle playlist “intelligenti” sulla base di una selezione di canzoni, trovando altra musica all’interno della mia libreria che poteva sposarsi bene con la selezione scelta.

Era abbastanza interessante, ma occorreva lanciare un programma a parte e scegliere un certo numero di brani, quindi alla prova dei fatti non si è rivelato molto comodo.

Nel classico stile apple invece, il nuovo genius è molto più semplice e crea una playlist semplicemente con un solo clic, permettendo di salvarla, di rinfrescarla con altri brani simili o di cambiare il numero di brani proposti.

Funziona? Molto bene per alcune canzoni, per nulla sulla musica classica (e questo è un difetto non da poco). Non funziona nemmeno per altre canzoni che non sono evidentemente conosciute a sufficienza dalla grande comunità di utenti che in modo anonimo invia informazioni sulla “nuvola” di itunes, dove vengono analizzate, frullate e rispedite a valle.

Le promesse sono di un’espansione e di una maggiore intelligenza del sistema a mano a mano che si creano i giusti collegamenti collettivi; in effetti già adesso i brani che propone sono interessanti, e permettono di scoprire perle dimenticate nella propria discoteca. Quando si aggiungeranno anche le canzoni meno note, il meccanismo diventerà davvero intrigante.

Per quel poco che ho visto quindi si tratta di una buona aggiunta ad un ottimo programma, ed il bello è che la cosa funziona anche sull’ipod.

Written by erling

13 settembre 2008 at 17:36

Pubblicato su Mac, musica, software

Tagged with ,