Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

Embrione di una rete intelligente

leave a comment »

Nel bel racconto di Bruce Sterling Maneki Neko (1998) si descrive un gruppo di appassionati che ricevono istruzioni ed indicazioni dalla rete, evidentemente internet.

Queste indicazioni non hanno un significato immediato per chi le riceve, ma sono in genere di facile esecuzione (come, compera un caffè e portalo all’uomo seduto sulla panchina) e possono essere di grande importanza per chi riceve questi regali inaspettati, dato che la grande rete conosce la situazione di tutti e sa che cosa può servire a ciascuno in un certo momento.

Nel racconto poi si impara che questa intelligenza può anche difendersi in caso qualcuno tenti di contrastare le attività del network, come scopre a sue spese un pubblico ministero che vuole indagare e viene contrastato in mille piccoli modi, con “dispetti” non gravi ma continui ed esasperanti, e sufficienti alla fine a farlo desistere.

Ho pensato a questo racconto quando ho raccolto ieri nella cache di Nebida il piccolo orsetto Camou. Non starò a dettagliare come funziona un Travel Bug nel geocaching (il sito è molto esauriente al riguardo), ma leggendo le storie di questi oggetti mi sembra di cogliere un micro-embrione di questa rete intelligente, che qui ed ora si occupa solo di dirigere gli sforzi di alcuni appassionati per portare un oggetto a destinazione, ma domani chissà…

Advertisements

Written by erling

21 giugno 2008 a 14:56

Pubblicato su gps, libri, rete

Tagged with ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: