Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

La vecchia Zelanda in bicicletta

with 2 comments

Arrivati a Middelburg con un tempo pessimo, ne siamo ripartiti alla mattina diretti a Veere, con il sole che ci procurava un certo ottimismo sulla tenuta del clima. Abbiamo scelto un itinerario tra i moltissimi possibili, acquistando una cartina all’ufficio turistico che ci pareva proporre un tragitto della distanza giusta, e che toccasse dei punti interessanti.
Così è stato in effetti, e partiti dall’incantevole paesino di Veere abbiamo pedalato tra le campagne su stradine battute unicamente da colleghi ciclisti, arrivando poi a Domburg, l’altro centro marittimo della zona; qui abbiano potuto ammirare la versione nordica della riviera, che differisce da quella mediterranea essenzialmente per la temperatura dell’aria e dell’acqua, e per il vento che obbliga i bagnanti ad esibire accessori adatti per proteggersi dalle folate fredde. Per il resto l’umanità da spiaggia, i gabbiani e gli stabilimenti marini ricordano molto le nostre latitudini. Altra differenza fondamentale, arrivano tutti in spiaggia con le bici, quindi si trovano enormi parcheggi per biciclette e solo pochi posti per le auto.
Dopo aver pranzato al sacco su una duna sopra la spiaggia, siamo ripartiti ed abbiamo attraversato una zona boscosa, detta Mantelingen, che costeggia il mare, arrivando poi a Veere nel primo pomeriggio: in totale 37 chilometri, in un ambiente naturale relativamente intatto e per noi molto curioso ed interessante, con la compagnia di frotte di ciclisti che, a differenza di quella degli automobilisti, non infastidisce ma anzi ci fa scoprire nuovi accessori e sistemi diversi per portare i bambini – abbiamo anche visto dei passeggini agganciati alle biciclette e trasportati insieme ai piccoli passeggeri, in modo da disporre del mezzo una volta arrivati a destinazione.
La Zelanda è decisamente una zona turistica, ma trattandosi di un turismo su due ruote, e quindi più “gentile”, non viene snaturata e si lascia scoprire; il tempo bello che abbiamo trovato ovviamente ci ha reso la vita più facile, ma anche quando fa brutto, come al nostro arrivo il giorno prima, si può visitare la città di Middelburg a piedi, e come ripiego non è dei peggiori.

Advertisements

Written by erling

8 agosto 2007 a 21:41

Pubblicato su bicicletta, Olanda, viaggi

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Peccato per il tempo :)

    Mi piacerebbe pubblicare qualche tua esperienza.. se ti interessa contattami.. scusa per il disturbo

    Francesco Guidolanda

    9 agosto 2007 at 20:09

  2. […] che ha visitato sono state Utrecht e Gouda, ma la provincia olandese di cui volevo parlarvi è la Zelanda che pur essendo decisamente una zona turistica, è riuscita a mantere intatto il suo meraviglioso […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: