Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

Test sul campo del nuvi 660

leave a comment »

Ecco, oggi finalmente lo ho sperimentato dal vivo per portarmi in una città dove non ero mai stato prima, Mantova. Il 90% del tragitto da Trento è in autostrada, ma sia l’uscita dalla mia città che l’ingresso a Mantova mi hanno dato delle indicazioni interessanti.

Per cominciare, se uno non segue la strada proposta, come ho fatto io per raggiungere l’imbocco dell’autostrada da casa mia, il gps non si scompone ma ricalcola rapidamente il tragitto finchè non indovina la strada che si ha in mente. La voce è leggermente metallica ma direi del tutto gradevole e precisa, ed interviene nei momenti giusti per indicare le svolte dando anche i nomi delle vie (utile anche per ripassare la toponomastica cittadina).

Lo schermo è ben visibile anche con il sole e la modalità di visione del tragitto in 3d – in realtà il termine migliore sarebbe assonometrica – dà una buona intuizione della propria posizione nel mondo ed un chiaro preavviso delle svolte da fare.

Usciti dall’autostrada a Mantova lo strumento ci ha condotti con facilità al Palazzo Te, ma abbiamo avuto modo di notare che non è aggiornato sulle ZTL, infatti ci indicava una svolta vietata da un cartello di divieto, probabilmente recente: in questi casi ovviamente è meglio fare affidamento sui segnali stradali, dato che sarebbe imbarazzante spiegare ad un vigile l’infrazione causata dall’aver seguito una voce sintetica.

Spostandoci poi verso il centro abbiamo avuto conferma del non perfetto aggiornamento dei sensi unici, dato che in un’altra occasione la “signorina”, come viene chiamata dalla prole, ci spediva in senso vietato.

A parte queste incongruenze, l’impressione è positiva, il segnale gps viene acquisito in tempo brevissimo, molto più rapidamente rispetto al garmin etrex che uso per le escursioni, il ridisegno dello schermo è veloce e c’è una corrispondenza molto precisa tra la posizione reale e quella disegnata.

Un lato negativo è la breve durata della batteria, anche se non ho un dato preciso dato che ieri sera l’avevo usato per provarlo e quindi sono partito con il gps non del tutto carico, comunque è morto dopo un’oretta di strada. Questo mi ha dato modo di usare il caricabatterie collegato alla presa dell’accendisigari, e l’annessa antenna per le indicazioni del traffico, che funziona ottimamente: in una pagina si vedono le indicazioni dei rallentamenti scaricate dalla radio; se per caso ci fosse stata un’interruzione segnalata lungo il percorso, il buon nuvi mi avrebbe fatto uscire dall’autostrada per evitare il blocco. Sono comunque contento di non aver dovuto provare questa caratteristica.

Funziona bene anche il collegamento bluetooth con il telefonino, ma non ho sperimentato la qualità audio per non svegliare i bimbi addormentati; il riconoscimento è immediato e la rubrica del telefono viene vista dal garmin, così si può chiamare toccando lo schermo.

Insomma il giocattolo promette bene e mi piace, la prossima volta lo devo provare partendo a piena carica per capire bene quanto durano queste batterie – non sarebbe male utilizzarlo anche come navigatore pedonale, ma fortunatamente avevo anche l’altro che mi è servito per orientarmi e per georeferenziare le foto.

Advertisements

Written by erling

26 novembre 2006 a 23:20

Pubblicato su gps

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: