Viaggiar si deve

viaggi, foto, mac e il resto

Archive for giugno 2006

Non tanto svelto

leave a comment »

Lightroom non è poi così comodo nell’attribuzione delle tag alle singole foto, dato che occorre selezionarle e scrivere per ognuna le parole volute, ed il tempo di reazione non è istantaneo, perlomeno con il mac mini.

Non so in effetti quanto tempo si risparmi usando questo sistema, forse qualcosa sì, ma sono stressanti le microattese per l’aggiornamento di ogni foto.

Written by erling

30 giugno 2006 at 07:07

Pubblicato su foto, Mac

La camera chiara

leave a comment »

La nuova beta di Lightroom, uscita da pochissimo, permette finalmente di esportare le foto in formato jpg mantenendo le keyword impostate nei file originali. Posso quindi semplificare il flusso di lavoro saltando il passaggio in shoebox ed ottenere subito le foto con i riferimenti giusti.

Per il resto il programma è davvero eccellente, ottimo per chi come me non ha bisogno di ritocchi “artistici” modello photoshop ma necessita solo di una minima pulizia alle foto, per correggere dove serve l’esposizione e la temperatura colore senza tuttavia alterare la “realtà fotografata”.

Written by erling

28 giugno 2006 at 22:15

Pubblicato su foto, Mac

Il primo meridiano

with one comment

Il meridiano è un concetto che non si appoggia a qualche caratteristica fisica del pianeta, a differenza del parallelo; per questo la sua misura ha eluso gli sforzi dei geografi e dei marinai per così lungo tempo, e la definizione di un punto di riferimento è del tutto arbitraria, soggetta solo a considerazioni geopolitiche.

Tutta questa tirata per rilevare che il meridiano zero non passa per il cortile dell’osservatorio di Greenwich come viene indicato dalla linea dove il turista si fa fotografare a cavallo degli emisferi, ma bensì un centinaio di metri più ad ovest, e taglia in due il parco giochi dei bimbi che noi abbiamo visitato al posto dell’osservatorio. Tutto questo almeno secondo il cosiddetto datum WGS84, per le ragioni che si trovano qui, tra il resto.

La nuova versione di google earth, uscita da poco, concorda con il mio gps e con il wgs84, ma l’osservatorio di G continua a difendere il proprio meridiano, come i francesi nell’ottocento, senza accorgersi che la geopolitica contemporanea ha trasportato il riferimento dalla terra ai satelliti del gps.

Written by erling

27 giugno 2006 at 21:10

Pubblicato su vaghezza, viaggi

In viaggio con Macbook

leave a comment »

Allora, come si comporta sul campo? In due parole, molto bene: ho trovato una sistemazione consona per il trasporto, all'interno di una custodia comperata sul web direttamente da San Francisco (sfbags) che calza a pennello nell'interno del mio fidato zainetto fjällräven.

Scaricare le foto appena fatte, revisionarle e visionarle senza preoccuparsi dello spazio sulla scheda di memoria della macchina fotografica, o, cosa ancora più impagabile, intrattenere i bimbi per un'oretta facendoli assistere ad un cartone animato preventivamente caricato sul disco, sono le due attività che in questi quindici giorni non mi hanno fatto rimpiangere la spesa.

Internet, tasto dolente invece: ovviamente in Tunisia non mi aspettavo di trovare un collegamento wireless, ma a Londra almeno il modem doveva funzionare, invece niente, non riusciva a collegarsi mentre il telefono e la linea erano attivi. Colpa delle linee telefoniche britanniche, o della commissione europea che non standardizza a sufficienza, dato che il modem apple qui non ha problemi.
Poco male comunque, esiste un mondo là fuori che chiede solo di essere scoperto, e nel nostro piccolo ed un po' alla volta lo stiamo facendo

Written by erling

25 giugno 2006 at 21:39

Pubblicato su MacBook Pro, viaggi

Il turista assennato

leave a comment »

La combinazione tra google earth e il sito della metropolitana di Londra mi permette di avere un'idea abbastanza precisa della zona dove andremo ad abitare nei prossimi giorni e di come arrivare nei punti di interesse.

Ho caricato intanto sul gps la mappa della città a livello di via (solo tramite windows, ancora niente programma per mac mannaggia) 

Ho stampato le mappe che mi servono ed ho caricato sul macbook i link ed i file di riferimento; direi che la situazione geografica è assimilata e non ci dovremmo perdere, arriveremo all'aeroporto di Stansted e da lì col treno fino a Liverpool Street. Da lì però prenderemo un taxi, non si sa mai che tutta questa virtualità non soccomba messa di fronte alla realtà vera

Written by erling

9 giugno 2006 at 22:31

Pubblicato su vaghezza, viaggi

Strumenti web per non perdersi

leave a comment »

un sito interessante è l'atlante di Fresh Logic Studios, che presenta una bella carta geografica zoomabile a piacere con strade e varia geografia.

L'atlante delle notizie è qui invece, ed è un modo curioso di vederle.

Su splashr poi si ottengono delle belle presentazioni delle foto su flickr, se solo si riesce a capire qual'è il proprio NSID.

Insomma, c'è di tutto 

Written by erling

7 giugno 2006 at 22:49

Pubblicato su Siti, viaggi

I suoni del silenzio

leave a comment »

Non vorrei sembrare eretico, ma il suono che emette il mac all'avvio non mi ha mai entusiasmato; oltretutto il volume dipende dal volume di sistema all'atto del precedente spegnimento, e mi è capitato più di una volta di accendere il computer la sera tardi quando il resto della famiglia si è appena addormentato, ed il fortissimo "bong" rischia sempre di mettere in crisi il sonno dei piccoli, conquistato con fatica.

Così sono stato ben contento di trovare questo sito e di scaricare la possibilità di zittire il suono iniziale (o magari anche solo di ridurne il volume). Adesso però non sono mai sicuro se il mac si è acceso davvero, perchè è così silenzioso che solo il monitor illuminato ne conferma l'avvio…

Written by erling

6 giugno 2006 at 19:15

Pubblicato su Mac